Nuova Renault Megane

Nuova Renault Megane

in vendita a partire da 18.650

Nmegane 2016ell’affollato segmento C, avere una linea accattivante è tra gli “ingredienti” per avere successo. La nuova Megane si riconosce al primo sguardo per la forma a C dei gruppi ottici anteriori con luci a LED a effetto tridimensionale o full LED, a seconda delle versioni. Grande personalità anche al posteriore, grazie ai generosi gruppi ottici a sviluppo verticale con tecnologia a LED. Sul fronte delle dimensioni, aumentano i centimetri rispetto alla generazione precedente; la crescita è dovuta all’utilizzo della piattaforma CMF C/D, già utilizzata su Renault Talisman, Espace e Kadjar. Nuova Megane è lunga 4359 millimetri, larga 1814 mm, alta 1447 mm (più bassa di 25 mm rispetto alla precedente) e con un passo allungato di 28 mm, per un totale di 2669 millimetri.

 

Renault Megane 2016 interni

 Appena saliti a bordo della nuova Renault Megane, l’attenzione viene subito catturata dal grande schermo a sviluppo verticale posizionato centro plancia. Di serie a partire dall’allestimentoBose, lo schermo touchscreen da 8.7 pollici con R-Link2 è tra i sistemi di infotainment più performanti della categoria.  Nel complesso gli interni della nuova Renault Megane mostrano una buona qualità generale, merito delle plastiche morbide utilizzate e degli inserti in pelle. Nuovi anche i sedili, realizzati partendo dalle scocche utilizzate su Espace e Talisman: negli oltre 200 chilometri percorsi, abbiamo apprezzato le nuove imbottiture utilizzate. Buona anche la capacità di carico, con un volume a partire da 434 litri ed espandibile fino a 1247 lt. Ci saremmo aspettati invece qualcosa di più sulle fronte della tecnologia a bordo, a partire dalla connessione WI-FI per i passeggeri.

 

Renault Megane GT-Line 2016

Tra le novità in arrivo non mancherà la nuova Renault Megane GT-Line, caratterizzata da un allestimento che fa del dinamismo il suo punto di forza.  Esteriormente troviamo all’anteriore badge dedicato, un paraurti anteriore specifico, sviluppato per migliorare la portata d’aria al motore grazie alle due prese laterali più grandi e calandra a nido d’ape. In coda la versione GT-Line si riconosce per il terminale di scarico cromato e per il Diffusore profilato. Equipaggiata di serie con cerchi in lega da 17 pollici Dark Metal, la nuova Megane GT-Line può montare cerchi da 18 pollici ed è personalizzata con selleria specifica, volante specifico, vetri oscurati, sensori di parcheggio anteriori e schermo da 8.7 pollici con R-Link2.

 

Renault Megane 2016, motorizzazioni

Renault-Megane-2016Saranno cinque le motorizzazioni disponibili al lancio della nuova Megane. Partendo dalla proposta a benzina, la gamma si aprirà con il propulsore 1.2 litri Energy TCe da 100 cavalli e 175 Nm di coppia massima, abbinato al cambio manuale a sei rapporti e un consumo dichiarato nel ciclo misto di 5.4 litri/100 km. Salendo di potenza troviamo il 1.2 litri Energy TCe da 130 cavalli, con 200 Nm di coppia massima e abbinabile al cambio manuale a sei marce o alla trasmissione a doppia frizione EDC a  sette rapporti. Al vertice dei propulsori a benzina si colloca l’unità TCe da 205 cavalli con 280 Nm di coppia, proposta esclusivamente in abbinata al Cambio automatico a doppia frizione EDC a sette rapporti. Passando alle unità a gasolio, l’offerta parte dalla motorizzazione 1.5 litri dCi 90 cavalli con cambio manuale a sei rapporti e dCi 110 cavalli (proposto anche con cambio EDC a sei rapporti), entrambi estremamente parchi nei consumi grazie ai soli 3.6 litri per 100 km. Salendo di cilindrata troviamo l 1.6 dCi da 130 cavalli, offerto con cambio manuale a sei rapporti  e con un consumo dichiarato di 4 l/100 km. Nel corso del 2016 arriverà sulla Renault Megane GT l’unità 1.6 dCi da 165 cavalli e 380 Nm di coppia massima, dotata di tecnologia Twin-Turbo e Cambio a doppia frizione EDC 6 marce.

 

Renault Megane GT 205 cv

Renault Megane GT, spinta dal propulsore 1.6 Energy TCe da 205 cavalli. In attesa della nuova Renault Megane RS (in arrivo non prima del 2017) la GT sarà in grado di accontentare la clientela più sportiva, offrendo però allo stesso tempo una vettura utilizzabile quotidianamente. A bordo troviamo sedili avvolgenti con poggiatesta integrati, volante ergonomico, pedaliera sportiva in alluminio, leva del cambio specifica e grafica dedicata per la modalità Race. La Megane GT non passa inosservata, grazie alle personalizzazione di Renault Sport e anche alla colorazione Blu Iron  la novità francese monta di serie il 4Control, ovvero il ponte posteriore sterzante già apprezzato sulla nuova Renault Espace, in grado di migliorare dinamicità e sicurezza. Tra le dotazioni presenti troviamo anche il Launch Control e il Multi-Change Down, sistema che permette scalate più rapide in frenata. Tra le curve della costa portoghese apprezziamo il grande lavoro fatto dai tecnici di Renault Sport. La Renault Megane GT è la macchina ideale per chi cerca prestazioni senza rinunciare al comfort, diventando una validissima rivale della Peugeot 308 GT. Grazie alla tecnologia Multi-Sense, possiamo personalizzare il carattere della vettura, scegliendo tra i setup NeutroSportComfort ePerso. Come già testato al volante della Renault Espace, il 4Control è un validissimo contributo al piacere di guida. Ottima anche la frenata, merito dei freni maggiorati di 30 mm rispetto alle versioni standard, pari a 320 mm all’anteriore e 290 mm al posteriore. Alla voce prestazioni, la Megane GT dichiara una velocità massima di 230 km/h e uno scatto da 0 a 100 km/h coperto in 7.1 secondi, mentre il chilometro con partenza da fermo è raggiunto in 27.8 secondi. Sul fronte dei consumi e delle emissioni, Renault dichiara 6 litri per 100 km nel ciclo misto e 134 grammi per chilometro di anidride carbonica.

 

 

RENAULT ESPACE

espace-2513

Decisamente “interessante” questa nuova versione della Espace, l’auto che trent’anni fa aveva rivoluzionato il mondo automobilistico, inventato un modo diverso di viaggiare e che oggi rinasce con le linee quasi una crossover. Senza perdere nulla in versatilità. Elegante, moderna, aggressiva, offre tanto spazio per la famiglia, gli amici, i bagagli, per di più con grandi superfici vetrate per godere al massimo del panorama.

Moderna e accativante. La Espace di oggi si presenta più “auto”, più filante, insomma con uno stile più moderno, accattivante. Con tutto quello che oggi fa tendenza. Una recente ricerca di mercato effettuata proprio in Francia sulle motivazioni di acquisto, mette al primo posto la ricchezza delle dotazioni infotainment. E qui non manca nulla, a cominciare dal grande schermo posto al centro della plancia, in quell’innovativa posizione verticale che si rivela indicatissima per seguire le mappe del navigatore, specialmente quando impostate con la visione lungo la direttrice di marcia. Capace di far interagire tra loro i controlli elettronici secondo schemi inediti. Come la luce abitacolo diffusa ed elegante, di tonalità adeguata a ognuna delle 5 regolazioni di marcia possibili. Ovviamente connettività facile ed estesa. Con l’aggiunta di un mega impianto radio dal suono avvolgente, grazie al Surround del sistema BOSE, con 12 altoparlanti ed un vero subwoofer.

Quattro ruote sterzanti. Infine un sistema di parcheggio automatico, davvero efficace. Per non parlare poi del motore, un turbodiesel di cilindrata limitata a 1.600 cm3, con consumi competitivi, ma con le prestazioni di un 2.000. E le quattro ruote sterzanti, con la conseguente stabilità in marcia a prova di errore, di manovra al limite. Su tutto questo panorama positivo, che giustifica l’aggettivo “interessante”, meraviglia una certa vibrosità, accompagnata da fremiti e code acustiche quando si devono superare certi ostacoli stradali, oramai tipici degli attraversamenti cittadini. Intendiamoci, di livello accettabile. Ma inaspettato, perché proprio su questo campo, la Renault ci aveva abituato a risultati decisamente ottimi, al di sopra della media del mercato.

 

RENAULT KADJAR

kadjar-2497

La Renault Kadjar è un crossover della casa francese, dalle linee sinuose e tondeggianti, realizzato nell’ambito della collaborazione tra Renault e Nissan, sulla base della Qashqai.
Anche gli interni della Kadjar sono sportivi e sinuosi, ispirati alle linee dei fuoristrada classici ma con un occhio di riguardo per la dotazione tecnologica. La grossa plancia può infatti ospitare anche lo schermo del sistema R-Link, che funziona anche da navigatore e da retrocamera per il parcheggio.
Gli spazi della Renault Kadjar sono ottimi per le esigenze di una famiglia, sia per l’abitabilità sia per la capienza del bagagliaio.
Le motorizzazioni benzina comprendono un 1.200 da 110 CV, mentre quelli diesel vanno da un 1.500, sempre da 110 CV ad un 1.600 da 131 CV a cui è possibile abbinare la trasmissione 4×4 ed il cambio automatico a doppia frizione.

 

RENAULT CAPTUR

captur_2514La Renault Captur è un crossover dalle dimensioni compatte che si caratterizza per la vivacità delle sue tinte esterne e per l’originalità di alcune parti interne, caratteristiche che compensano alcune rifiniture migliorabili. La buona abitabilità la rende adatta anche per una giovane famiglia: il bagagliaio è abbastanza capiente, una nota di pregio va fatta per il sedile posteriore, scorrevole di serie. La Renault Captur è alta e consente di affrontare agevolmente qualche sterrato, non è però prevista tra gli allestimenti la trazione integrale. I motori partono da un 1.000 a benzina da 90 CV, c’è poi il 1.200 da 120 CV, quelle diesel sono da 1,5 litri per una potenza da 90 a 110 CV, l’ultimo è Euro 6 ed è l’unico a cui è abbinabile il cambio robotizzato.

 

NUOVA TWINGO versatile, spaziosa, 5 porte! Venite a scoprirla presso i nostri saloni! Vi Aspettiamo!

Tutto dietro, non per essere sportiva ma per essere pratica e funzionale. La nuova Renault Twingo cambia radicalmente rispetto alle proprie origini tecniche, rimanendo però fedele nell’anima a quella straordinaria compatta che fu la Renault Twingo di prima generazione. Nel DNA di Twingo ci sono da sempre agilità, praticità, abitabilità e grande visibilità, con questo nuovo modello che è stato pensato per incarnare questi principi. Lo sterzo permette di girare le ruote a 45° consentendo manovre in spazi estremamente ridotti ed impensabili con quasi la totalità delle vetture attualmente in circolazione. Tutto questo abbinato ad unabuona stabilità, a bassa velocità, e a delleprestazioni che convincono per il segmento d’appartenenza. La qualità è notevolmente migliorata, sia per quanto riguarda i materiali, plastiche comprese, sia per l’assemblaggio, praticamente impeccabile sulle vetture analizzate.