Renault lancia la prima Capsula del Tempo digitale su Twitter

Renault lancia la prima Capsula del Tempo digitale su Twitter
Al Salone di Francoforte 2017, Renault ha tolto il velo sulla sua visione della mobilità sull'orizzonte 2030 con SYMBIOZ, una concept-car autonoma, elettrica e connessa. La marca ha accompagnato la presentazione con un'innovativa ed inedita iniziativa digitale chiamata #RenaultTimeCapsule. Il principio è semplice: lasciare su Twitter un messaggio per descrivere la propria visione sul futuro della mobilità.

Parigi - Per accompagnare la presentazione della concept-car SYMBIOZ al Salone di Francoforte 2017, Renault ha lanciato su Twitter un'operazione futurista chiamata #RenaultTimeCapsule. Per la prima volta, una marca automobilistica crea una « Capsula del Tempo » (una capsula temporanea che contiene messaggi ed oggetti del presente destinati al futuro) grazie alla funzione « Direct Message » di Twitter. Gli internauti scriveranno un messaggio in cui esprimere la loro visione sul futuro della mobilità nel 2030, e potranno accompagnarlo con foto, video od audio e postarlo sull'account Twitter di Renault @Groupe_Renault. L'operazione Time Capsule lanciata dal Gruppo Renault non è che la prima tappa di una strategia globale. Il seguito di questo viaggio temporale arriverà prossimamente sulle reti sociali del Gruppo Renault.

Dieselgate, 5mila morti all'anno.
Il costo per l'Europa della truffa sui limiti delle emissioni.

Morti prematureRoma - L’Italia è il Paese europeo dove l’inquinamento delle auto uccide di più. Lo rivela un nuovo studio realizzato da una squadra internazionale di ricercatori. Ogni anno, in Europa circa 10.000 persone muoiono prematuramente a causa dell’ossido di azoto (NOx), un gas nocivo abbondantemente emesso dai motori diesel: quasi un terzo delle vittime risiede in Italia. E ancora: metà del totale di questi decessi è da imputare alle emissioni che sforano i limiti Ue. È cioè il macabro bilancio degli abusi commessi nella verifica delle prestazioni ambientali delle automobili: l’eco-scandalo, venuto alla luce nel 2015 col caso Volkswagen (il dieselgate), continua a far pagare il suo prezzo in vite umane. L’Italia guida tristemente la classifica europea con 2.810 vittime, seguita da Germania (2.070), Francia (1.430) e Regno Unito (640). Questi quattro paesi totalizzano, da soli, il 70% dei decessi registrati in Europa pur avendo il 50% della popolazione: ciò si spiega col loro elevato numero di auto diesel. Seppur meno popolata degli altri tre paesi più colpiti, l’Italia li supera per numero di morti per via dell’elevata densità di residenti nelle aree industrializzate del Settentrione, dove è concentrato il trasporto su strada. “Se le auto diesel non avessero inquinato oltre i tetti imposti dall’Ue, si sarebbero evitate circa 5.000 morti premature l’anno”, spiega Jens Borken-Kleefeld, esperto di trasporti presso l’IIASA. “Avremmo potuto salvare ancora più vite, precisamente 7.500 se le auto diesel avessero ridotto le fuoriuscite di NOx ai livelli dei veicoli a benzina”. Curiosamente, infatti, l’Ue ha stabilito limiti più severi per le auto a benzina sulle emissioni di NOx rispetto ai diesel. L’eccesso di emissioni delle auto diesel è il risultato delle falle annidate nel sistema di sorveglianza ambientale Ue. Per legge, i produttori di automobili hanno l’obbligo di dimostrare alle agenzie di controllo nazionali che rispettano le soglie di emissione prescritte: si tratta dei cosiddetti standard “Euro”, che l’Ue ha via via reso sempre più stringenti (quello più restrittivo oggi è l’Euro6) per rendere il trasporto gommato progressivamente più pulito. Tuttavia, questo meccanismo di certificazione si è basato, finora, su obsoleti test compiuti in laboratorio. La bufera Volkswagen ha costretto governi e industria ad ammettere la verità: le emissioni reali su strada risultano più alte dei valori dichiarati dai costruttori, raggiungendo picchi del 400% superiori ai limiti previsti.

AUTOVIP LA TUA AUTO. LA NOSTRA PASSIONE.

Da oltre 30 anni la concessionaria AUTOVIP è un vero e proprio punto di riferimento per chi voglia acquistare un auto del gruppo Renault in Piemonte.

Con un centro usato multimarca garantito, riusciamo a fornire ai nostri clienti le migliori offerte. La nostra visione è quella di mettere il cliente al centro del nostro mondo.

ORARI

  • Lunedì 8.30/12.30 – 14.30/19.30
  • Martedì 8.30/12.30 – 14.30/19.30
  • Mercoledì 8.30/12.30 – 14.30/19.30
  • Giovedì 8.30/12.30 – 14.30/19.30
  • Venerdì 8.30/12.30 – 14.30/19.30
  • Sabato 9.00/12.00 – 15.00/19.00
  • Domenica Chiuso

CONTATTI

Privacy Policy Cookie Policy